Link



18/12/2018 @ 14:02:50
creazione pagina in 40 ms


\\ Home : Cerca
Di seguito gli approfondimenti, le fotografie e i link che contengono la parola cercata.

Ricerca approfondimenti per Forma

Nuovo peeling chimico specifico per la zona perioculare (incluse le palpebre) e perilabiale (escluso il vermiglio) che sfrutta al massimo l’efficacia dei suoi componenti anche nelle zone più delicate. Contiene Acido Tricloracetico (TCA) al 3,75% ed Acido Lattico al 15%. Il peeling è in formulazione gel, quindi non cola. Lo speciale erogatore a Forma di penna consente il rilascio di una quantita’ pre-determinata di prodotto e permette un'applicazione precisa e sicura.

La sua caratteristica più importante è la modulabilità e ciò permette di personalizzare il trattamento in base al tipo di pelle ed al risultato che si vuole ottenere. Ogni volta che si ripete un passaggio della speciale penna-erogatore sulla zona, si raddoppia la concentrazione delle componenti e quindi nella stessa seduta si può eseguire, secondo necessità, un peeling soft, medio o strong. 

Grazie alla sua azione chemioesfoliante e rimodellante, è indicato per cronoaging, discromie, rughe sottili e d’espressione.

I primi risultati sono visibili immediatamente dopo la prima applicazione.

Sono consigliati cicli di 4 sedute a distanza di 2 settimane.
Articolo   Storico  Stampa 
 
Lo sapevi che alla base di una cute bella e giovane c'è l'idratazione bilanciata delle cellule che la compongono?

Il sole o i cambiamenti climatici e di stile di vita delle vacanze estive possono impoverire gli strati cutanei, conferendo alla pelle un aspetto spento e segnato.

 Un ciclo di trattamenti di revitalizzazione ripristina l'idratazione della pelle, ne migliora l'elasticità e le dona un aspetto progressivamente più giovane e fresco, preparandola alla stagione invernale.

 Il trattamento consiste nel deposito di minuscoli, ma regolari microdepositi di acido ialuronico di sintesi nel derma, che agiscono come una riserva di idratazione.

 Grazie al concetto Hydrobalance, posssiamo aiutare la pelle a recuperare la sua struttura e turgore naturale, rendendola più resistente agli attacchi esterni.

 

Articolo   Storico  Stampa 
 

Ringiovanimento dei tessuti non invasivo

Si tratta di applicare mediante massaggio profondo, secondo le linee di tensione elastica dei tessuti, un preparato sotto Forma di gel contenente TCA al 33%. L’acido tricloroacetico ha una duplice funzione: indurre una desquamazione epidermica ed una intensa stimolazione del derma, in particolare dei fibroblasti e del collagene che subiscono un vero e proprio processo rigenerativo.
Questo nuovo peeling prende origine da questa sostanza, privata dell’azione esfoliante, mentre ne è stata potenziata la funzione biorivitalizzante. Con il suo impiego, quindi, avremo una leggerissima esfoliazione superficiale, che darà maggiore luminosità alla pelle, mentre eserciterà una stimolazione molto potente nel derma più profondo.
 
INDICAZIONI:
- perdita di tonicita’ della cute del viso, collo e decolleté.
- rassodamento della cute del seno.
- cicatrici recenti depresse.
- acne attiva (sfrutta l’azione antisettica anche dell’acqua ossigenata contenuta all’interno della formulazione).
- coadiuvante nel trattamento del melasma e delle iperpigmentazioni cutanee.
 
I risultati saranno visibili già dalla prima seduta, ma per ottenere un risultato più stabile nel tempo occorre ripetere le sedute ogni 3 settimane, per almeno 4 volte. Poi sarà sufficiente una seduta mensile per un buon mantenimento dei risultati nel tempo.

Questo nuovo peeling può essere effettuato anche in piena estate e rappresenta un nuovo modo di mantenersi giovani, senza traumatizzare la pelle, in modo semplice, naturale e senza complicazioni: un’arma in più per rallentare il nostro invecchiamento cutaneo.

Articolo   Storico  Stampa 
 
La parola “dieta” deriva dal greco e significa “regime di vita”. Pertanto non va intesa nel senso restrittivo e negativo ormai troppo comunemente attribuitole, ma come una condotta che accompagna l’uomo per tutta la sua vita e che, se equilibrata e corretta, può essere fondamentale nel promuovere lo stato di buona salute.
Un programma dietetico personalizzato permette di imparare a mangiare tutti i cibi della nostra alimentazione, in modo proporzionato e calibrato. Consente di raggiungere e mantenere senza grossi sacrifici il peso desiderato, insegnando a mangiare secondo le necessità, controllando il senso di fame.
La dieta personalizzata viene elaborata al computer in base ai dati personali di ogni paziente: età, stile di vita, abitudini, preferenze alimentari, eventuali intolleranze e patologie, calcolando esattamente gli apporti giornalieri in proteine, carboidrati e grassi.
Alimentarsi in maniera corretta e’ importante non solo per fornire al nostro organismo tutte le sostanze nutritive di cui necessita, ma anche per prevenire l’insorgenza di alcune patologie cronico–degenerative. Infatti, alcune malattie croniche, quali l’aterosclerosi, l’ipertensione, l’obesità e la stipsi sono divenute più frequenti causa l’adozione di nuovi modelli alimentari ricchi di calorie e poveri di fibre.
Una buona alimentazione determina una “pulizia” dei vasi sanguigni e del sangue, con conseguente migliore ossigenazione e depurazione degli organi.
E’ importante soddisfare i fabbisogni del nostro organismo, imparando a scegliere gli alimenti più salutari ed a distribuirli in modo corretto nell’arco della giornata. Infatti, variando ed alternando opportunamente la scelta degli alimenti, è possibile garantirsi una alimentazione equilibrata, che consenta di assumere con sufficiente regolarità ed in quantità adeguate tutti i principi nutritivi necessari per il nostro benessere.

Articolo   Storico  Stampa 
 

Esfoliazione accelerata dovuta all’applicazione di un agente chimico sulla superficie cutanea che promuove il rinnovamento cellulare della pelle donandole un aspetto più sano, più tonico, più disteso e migliorandone la levigatezza e la luminosità.
Le modificazioni a livello cutaneo si verificano attraverso tre meccanismi:
- stimolazione del rinnovamento epidermico attraverso la rimozione dello stato corneo più superficiale
- distruzione di strati di cute che presentano specifici problemi che vengono così sostituiti da cute normale (per esempio macchie e cheratosi solari);
- induzione di una risposta infiammatoria nei tessuti più profondi con stimolazione della Formazione di nuovo collagene.
Le sostanze maggiormente utilizzate sono: acido glicolico, citrico, tricloroacetico, salicilico, piruvico, cogico, ecc....
Sono considerati un trattamento ottimale in caso di seborrea, pori dilatati, acne, cicatrici residue, ipercromie superficiali (macchie), smagliature e rughe.
Fin dalla prima applicazione, assolutamente indolore, che richiede normalmente una durata di quindici minuti, si assiste ad un visibile miglioramento clinico per quanto riguarda la luminosità, la levigatezza e l’elasticità della cute. Il trattamento va ripetuto, in genere, cinque-sei volte, a cadenza mensile.
Dopo il peeling è consigliata una buona idratazione e fotoprotezione.

Un nuovo ed efficace peeling è la maschera all'acido retinoico.

L’acido retinoico, o tretinoina, è una molecola conosciuta ed usata da lunghissimo tempo per la terapia dell’invecchiamento cutaneo, dell’acne e delle discromie. Le sue proprietà lo rendono estremamente efficace ed unico nel suo genere. Esso ha infatti la capacità di regolarizzare la secrezione sebacea, assottigliare lo strato corneo, ispessire l’epidermide, organizzare la distribuzione della melanina e, soprattutto, agendo su recettori specifici, riesce a raggiungere il nucleo cellulare e modulare la trascrizione genica; è quest’ultima la sua caratteristica più importante nella terapia dell’invecchiamento cutaneo fotoindotto (invecchiamento dovuto all’esposizione al sole): i raggi ultravioletti inducono degli errori nella trascrizione di alcuni geni che vengono corretti dall’acido retinoico. L’applicazione costante di retinoico sulla pelle può però portare alla comparsa di una reazione avversa definita in letteratura come “dermatite da retinoidi” che si manifesta con arrossamento, bruciore, prurito, esfoliazione ed anche edema palpebrale. Per questo motivo la tretinoina viene utilizzata in medicina sotto Forma di creme o lozioni a bassa concentrazione: ovvero si parla di creme allo 0,025-0,05 % fino ad arrivare a lozioni che raggiungono al massimo l’ 1%. La maschera contenete acido retinoico al 5-10-15% consente, invece, di utilizzare alte concentrazioni senza avere reazioni avverse riducendo notevolmente i tempi di comparsa dei risultati clinici. La maschera proprio per la sua natura di “Forma farmaceutica occlusiva”, aumentando la biodisponibilità del principio attivo, consente di ottenere una massima penetrazione dell’acido retinoico riducendo notevolmente il numero di applicazioni e la loro frequenza. Se la crema a bassa concentrazione deve essere applicata 2 volte al dì continuativamente per 3-4 mesi, la maschera può essere applicata ogni 7-14 giorni per un numero di sedute che varia in base alla pelle che ci si appresta a trattare. Creme e lozioni permangono sulla cute mentre la rimozione della maschera indurente permette di ridurre la permanenza del retinoico sulla pelle. Inoltre la Forma occlusiva intrappola acqua all’interno della pelle inibendo la traspirazione cutanea: l’acqua svolge un’azione antinfiammatoria. Tutto ciò rende praticamente nulla l’incidenza di comparsa della reazione da retinoidi e consente quindi il raggiungimento del risultato clinico in tempi rapidi e senza disagi per il paziente. In conclusione, l’uso dell’acido retinoico in maschera è un concetto nuovo che supera i limiti della tradizionale Forma in crema o lozione.


Articolo   Storico  Stampa 
 
Questa terapia è consigliata nel trattamento della cellulite, malattia microcircolatoria in cui l'elemento predisponente è la stasi venosa a carico degli arti inferiori, mentre l'elemento scatenante è rappresentato dall‘edema del tessuto adiposo, che non comunicando più con il tessuto connettivo circostante, si indurisce con Formazione di micro e macro noduli (pelle “a buccia d’arancia”).
Consiste nell'iniezione intradermica, cioè molto superficiale, di farmaci che agiscono localmente prima di entrare nella circolazione generale. Si utilizzano farmaci con attività lipolitica (degradano i grassi) e farmaci vasoattivi per migliorare i disturbi circolatori.
Si consiglia una mesoterapia alla settimana per un minimo di circa 10-12 sedute; successivamente 4 a cadenza quindicinale come mantenimento.

Mesoterapia Omeopatica
Nei disturbi circolatori delle gambe e nella cellulite la mesoterapia può essere effettuata anche utilizzando prodotti omeopatici. L'azione terapeutica è dovuta sia all'azione dei medicamenti, sia alla stimolazione riflessa di determinate zone o punti della cute.

Articolo   Storico  Stampa 
 
Tutti desiderano mantenersi in Forma ed apparire più belli, perchè la bellezza è spesso sinonimo di successo e di gratificazione. Un aspetto piacevole e bello aiuta sicuramente ad avere maggior fiducia in se stessi ed a migliorare i rapporti interpersonali.

Infatti, il beneficio che la paziente può trarre dalla medicina estetica, spesso non si ferma al mero aspetto fisico, per quanto molto importante, ma si estende anche all'aspetto psicologico. Sentirsi più belli spesso corrisponde con l'esserlo realmente. Se ci sentiamo più belli, sicuramente appariremo più belli anche agli occhi degli altri.

La medicina estetica è rivolta al ringiovanimento ed alla prevenzione dell’invecchiamento cutaneo, a migliorare la sintomatologia e gli inestetismi circolatori degli arti inferiori, a raggiungere e mantenere il peso ideale, oltre alla correzione di difetti estetici, quali, macchie, acne, ecc…

Grazie alla sicurezza dei materiali ed alle innovative ed efficaci tecniche utilizzate in medicina estetica, sempre più raramente, la soluzione ottimale ai difetti estetici, sta nell’impugnare il bisturi.

In quest’ottica, la medicina estetica ha preso prepotentemente un posto di notevole importanza riuscendo, in alcuni casi, ad azzerare il ricorso continuo ed indiscriminato alla chirurgia estetica.

Articolo   Storico  Stampa 
 

La Medicina Estetica, mediante atti medici indirizzati alla cura estetica della persona, si propone la prevenzione, il trattamento ed il mantenimento della perFormance individuale, attuando un giusto equilibrio tra corpo e mente.
Questa branca della Medicina consente di ottenere uno stato di benessere fisico, grazie al miglioramento dell’aspetto esteriore, con ripercussioni positive sulla capacità di relazione con il mondo esterno, nell’ambito della sfera affettiva, sociale o professionale.



"La bellezza di una persona giovane è un caso della natura, mentre la bellezza di una persona matura rappresenta un'opera d'arte".
(Eleanor Roosevelt)

 


Articolo   Storico  Stampa 
 
Microiniezioni di acido ialuronico, di aminoacidi, di polinucleotidi e di vitamine per ripristinare l’idratazione, il tono e l’elasticità della pelle.
La pelle giovane contiene grandi quantità di acido ialuronico: zucchero naturale presente in tutte le cellule viventi che attrae e lega l’acqua, idratando la pelle e donandole volume.
Con il passare degli anni si assiste ad una progressiva diminuzione di acido ialuronico, che determina perdita di idratazione ed assottigliamento della pelle, oltre ad una ridotta capacita’ della pelle di autorigenerarsi.
Mantenere l’acido ialuronico ai giusti livelli permette di rallentare il processo di invecchiamento e, quindi, di prevenire la Formazione di rughe.
La biorivitalizzazione può essere effettuata nel viso, collo, decolleté e dorso delle mani come trattamento e prevenzione dell’aging e fotoaging, nella cute arida e disidratata, prima e dopo esposizioni solari, in potenziamento a filler riassorbibili.

Articolo   Storico  Stampa 
 

Ricerca fotografie per Forma

Nessuna fotografia trovata.

 
Ricerca link per Forma

Nessun link trovato.